hiesa di Santa Maria del Torresino
Prende il nome dalla Torre cui la chiesa è addossata nei pressi della Porta Padovana. E’ tradizione che essa sia stata costruita contemporaneamente al castello, per gli uomini d’arme. In scavi recenti sono state scoperte fondazioni di un edificio precedente, forse quello delle origini. Le tele sugli altari sono di modesto livello artistico, interessanti però la storia locale. La vasca in pietra nella navata proviene dalla località Colombara di Cittadella; si ritiene fosse il fonte battesimale della medioevale chiesa di San Nicolò di Mejaniga, che si trovava nei pressi. Nel 1968 la Chiesa del Torresino, dopo un periodo di abbandono, è stata restaurata e riaperta al culto in memoria dei Caduti per la Patria. Nel corso del 1997 è stata ulteriormente valorizzata ed ora si svolgono, nella navata centrale, importanti rassegne d’arti e viene realizzata una rassegna di concerti primaverile ed una autunnale.